h1

SIRIGU, BONUCCI E COSSU: LE FACCE NUOVE DELL’ITALIA

2 marzo 2010

Salvatore, Leonardo, Andrea: 23, 22 e 29 anni. Storie azzurre, percorsi diversi, facce nuove. Marcello Lippi stavolta ha guardato le partite della Serie A. Non tutte, a quanto pare: qualcuno sta ancora aspettando la chiamata. Chi invece è corso a Coverciano, ed è corso grazie alle proprie gambe, alle proprie prestazioni, sono questi tre ragazzi che hanno storie diverse, ma un unico sogno: il Sudafrica.

Salvatore Sirigu è nato a Nuoro il 12 gennaio 1987

SIRIGU, IL PICCOLO ZENGA – L’investitura gliel’ha data nientemeno che Zenga. E adesso tutti lo chiamano «Walterino». Salvatore Sirigu, da Nuoro a Palermo, passando per Venezia, Cremona e Ancona. Doveva essere una stagione di transizione, a fare il secondo di Rubinho, arrivato quest’estate. Portieri brasiliani che si prendono anche le porte tricolori. Poi l’Uomo Ragno nazionale, che di portieri se ne intende, ha rischiato. Uno di quei rischi che l’hanno fatto tanto amare, ma anche esonerare. Così Salvatore è diventato titolare. Rubinho, sfrattato, è finito a Livorno. Parate su parate, il 23enne di Nuoro è il portiere del futuro. Al Mondiale ci andranno Buffon, Marchetti e De Sanctis. Ma finalmente, possiamo dire che la Nazionale, anche nei prossimi anni, sarà in buone mani.

Leonardo Bonucci è nato a Viterbo il 1° maggio 1987

SENZA NESTA, C’È BONUCCI – Leonardo, classe ’87, è nato e cresciuto a Viterbo. Nel 2005 la grande chiamata dell’Inter, in quella Primavera con cui sarebbe diventato campione d’Italia da lì a poco, guidando la difesa. Un centrale moderno, alto 190 cm e con tanta personalità. Probabilmente però è arrivato in Nazionale perché il suo fido compagno di reparto, Ranocchia, ha un ginocchio sfasciato. Ranocchia-Bonucci: la coppia del futuro, ma anche del presente. Bari se l’è coccolata fino all’infortunio del primo. Poi, Bonucci, che è di proprietà del Genoa (scambiato nell’affare Thiago Motta-Milito), tornerà in Liguria. Ma forse non si fermerà: la Juve lo vuole. Lippi, intanto, l’ha scelto. Il Sudafrica, per Leonardo, non è tanto lontano.

Andrea Cossu è nato a Cagliari il 3 maggio 1980

COSSU, UN’ISOLA CON LUI – Giocava nella Johannes Cagliari, e prima ancora in un campetto dove adesso ci sono solo erbacce alte così e in una porta c’è pure un carrello della spesa, abbandonato. Poi quando aveva 16anni l’Olbia lo fece debuttare in C2. Anni difficili. «Troppo basso questo Cossu». Il Cagliari lo prende, ma non lo vuole. Lo manda a Verona, torna indietro, ritorna a Verona, dove trova la sua dimensione. Poi dal 2008 a Cagliari c’è Allegri e lo sceglie: ci deve essere lui, il piccolo Andrea, classe ’80, nel suo Cagliari dei miracoli. Dicono che pure gli osservatori del Barcellona si siano mossi per vedere il folletto sardo. Ora Lippi gli dà una maglia: taglia small. Nella botte piccola (170cm per 64 kg) c’è il calcio buono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: