h1

IL FENOMENO È TORNATO, DI NUOVO

10 marzo 2009

Quanti ritorni in campo, quanti gol dopo mesi di sofferenze, operazioni, allenamenti personalizzati. Quante volte i suoi tifosi lo hanno atteso, sapendo che solo lui era davvero speciale e meritava di essere aspettato. Anche a lungo. Ronaldo, il Fenomeno, è tornato a giocare. E a segnare.

Campionato Paulista, Palmeiras-Cortinthians. Ronaldo fa la sua seconda apparizione dopo il rotuleo lasciato sul prato di San Siro in un freddo mercoledì sera del febbraio 2008 (Milan-Livorno 1-1). Prima colpisce una terrificante traversa, calciando da fermo. Poi segna, nel recupero, il gol dell’1-1. Di testa. E corre, Ronaldo. Scavalca i cartelloni pubblicitari e si aggrappa alle reti, come un ‘Pampa’ Sosa qualunque. È la gioia fresca di chi ha fatto il primo gol. È la gioia di chi credeva per l’ennesima volta che non ce l’avrebbe fatta. È la gioia di chi non ha il fisico d’atleta, non ha l’orgoglio di appartenere ad una sola squadra, di chi non sarà mai una bandiera, ma ha i piedi che inventano calcio e regalano emozioni.

I rientri di Ronaldo sono tanti, come i suoi infortuni. Quel novembre del 1999, quel campo inzuppato di San Siro in una partita ormai decisa, ormai vinta. Da quel giorno Ronaldo ha pianto tanto. Per gli infortuni e per le sconfitte. E tutte le volte è tornato. È tornato a Roma, si è rotto, ha pianto. Ci è tornato due anni dopo, all’Olimpico, e ha pianto amaro. Poi ha sorriso, con il Brasile, con il Real. Ha provato a sorridere anche nel Milan, mai davvero casa sua. Infortuni muscolari e gol da fenomeno. Fino ad un altro rotuleo rotto. Quello che gli aveva fatto credere che sì, era tutto finito.

Ora Ronaldo gioca ancora. Non gioca per il Cruzeiro, dove è cresciuto. Non per il Flamengo, che l’ha curato. Ronie gioca per il Corinthians. La maglia è bianca, ma non conta. Ronaldo è tornato: in un campionato piccolo, con una pancia grande. Ma con una passione, quella per il calcio, che è la stessa di sempre. Quella di un bambino. Quella di un Fenomeno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: