h1

GIÙ IL CAPPELLO

18 giugno 2008

Olanda, che correttezza. Il calcio ci piace, così!

Forse hanno vinto senza impegnarsi, o forse semplicemente perché la Romania si è dimostrata enormemente difensivista, incapace di offendere, imbrigliata nel tatticismo esasperato del diavolo Piturca. Ma tutti avevamo sospettato. Io sinceramente avevo previsto una vittoria dell’Olanda e tanta fatica per l’Italia contro la Francia, con un pareggio risicato. Noi abbiamo vinto e si sa. Ma gli Orange non hanno fatto nient’altro che scendere in campo e fare quello che chiede il gioco del calcio: spingere la palla oltre la riga della porta avversaria. Con quali motivazioni? Con quale spirito? Tanti dicono: le “riserve” hanno voluto farsi vedere, dimostrare a Van Basten che c’erano anche loro. Io dico: sono scesi in campo per giocare a pallone. Hanno vinto perché più forti, perché hanno più gambe e piede degli avversari. Nessuno mi toglierà mai dalla testa che Svezia e Danimarca aggiustarono il 2-2 per mandarci a casa nel 2004. E nessuno mi convincerà mai del fatto che l’Olanda, in fondo, avrebbe potuto anche farsi battere. Poteva succedere, certo. Ma solo se la Romania fosse stata più forte degli olandesi. Non è così, l’Olanda è forte. E, a differenza di tante squadre (vedi la Germania), gioca a calcio. E giocare a calcio significa giocare per vincere. Non per perdere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: