h1

ROBERTO BAGGIO: 1998-99′

30 novembre 2007

Roberto Baggio è un giocatore difficile da dimenticare.
Non ho mai avuto grande simpatia per la sua indisciplinatezza, per il modo in cui a volte faceva la vittima con tutti i vari allenatori che ha avuto, a parte forse Carlo Mazzone. Però quando aveva la palla tra i piedi, era davvero difficile non rimanere incantati dalle sue giocate. C’era una poesia nelle finte del Divin Codino che è difficile ritrovare nei giocatori di oggi. Assieme a pochi altri, è stato uno dei giocatori che hanno fatto da ponte tra il vecchio calcio romantico e quello contemporaneo, che di poesie sembra averne sempre di meno, man mano che passano i giorni.
Ho scelto questa partita, Inter-Real Madrid, come prova della sua classe. Non è poi una partita tanto famosa, ma dà l’idea della classe di Baggio, della sua capacità di cambiare le partite in pochi minuti. Qui Baggio, entrato nella ripresa, cambiò la partita nel giro di pochi minuti con una splendida doppietta. L’Inter vinse questo girone, per poi venire eliminata dal Manchester United, futuro vincitore della Champions nell’epica finale vinta nei tre minuti di recupero contro il Bayern Monaco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: